Il tributo della città a santa Rita

Dal 20 al 22 maggio Cascia festeggia la Santa dei casi impossibili

Tempo di lettura: 139 secondi

santa-ritaDal 20 al 22 maggio entrano nel vivo i festeggiamenti per la festa di santa Rita da Cascia. Il programma organizzato dalla città per il tributo alla Santa degli impossibili vedrà alternarsi momenti puramente celebrativi ad ampi spazi di riflessione per arrivare alle solenni celebrazioni del giorno della festa.

Come ogni anno anche in questa occasione Cascia intrattiene, con una diversa città italiana o europea, dei periodici incontri. Per il 2014, il “Gemellaggio di Fede”, vede la città delle rose unita con la città calabra di Cariati (Cesena), a testimonianza dell’elevata diffusione del culto di Santa Rita nel mondo. Uno dei momenti più suggestivi, durante la visita della delegazione casciana alla città gemellata, è quello dell’accensione della tradizionale “Fiaccola della Pace”, portatrice di speranza cristiana, il cui ardere rappresenta l’amore e la devozione di Santa Rita.

Dalla città gemellata, ogni anno, nei giorni precedenti la festa, solitamente una settimana prima, parte la “Fiaccola della Pace” che gli atleti del gruppo sportivo più rappresentativo della città, portano, con lunghissime staffette, fino a Cascia. Maratoneti, ciclisti, pattinatori, calciatori… tutti giungono la sera del 21 maggio di fronte al sagrato della basilica di Santa Rita a consegnare, dopo aver percorso centinaia di chilometri, la fiaccola al Sindaco della propria città. Sarà il Sindaco ospitato che, alla presenza del primo cittadino di Cascia e di tutti i Sindaci della Valnerina, accenderà la fiamma sul monumentale tripode, a suggello di un’amicizia duratura, atto che dà il via all’accensione delle migliaia di fiaccole che per tutta la notte arderanno a Cascia e nelle colline circostanti: è l’incendio di fede, suggestivo rito di fuoco in onore della Santa degli Impossibili.

Martedì 20 maggio alle ore 21 presso la sala della Pace, la giornalista Benedetta Rinaldi presenta alla comunità le “donne di Rita” che il 21 maggio riceveranno il “Riconoscimento internazionale Santa Rita”.

Il 22 maggio, giorno della festa, si tiene la sfilata del Corteo storico, che si unisce alle porte di Cascia alla processione proveniente da Roccaporena. Il Corteo giungerà poi al Sagrato della Basilica di Santa Rita, ove verrà impartita la benedizione.

Alle ore 11 solenne pontificale sul sagrato della basilica celebrato dal card. James Michael Harvey arciprete della basilica papale di San Paolo fuori le Mura. Alle ore 12.30 benedizione delle rose.

PROGRAMMA

21 maggio, basilica di Santa Rita, ore 16.30, solenne Concelebrazione eucaristica della Famiglia Agostiniana, presieduta da padre Alejandro Moral Antón, priore generale dell’Ordine agostiniano. Ore 18.30 solenne celebrazione del Transito di santa Rita, presieduto dall’arcivescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo. Ore 21.30 arrivo della fiaccola.

22 maggio, Festa di Santa Rita, ore 5 inizio delle messe nella Basilica: ore 6, 7, 8 e 9.
Ore 10.15: arrivo del Corteo storico sul sagrato della Basilica. Ore 11 solenne Pontificale sul sagrato della Basilica, celebrato dal card. James Michael Harvey. Ore 12.30, Benedizione delle rose. Ore 18 Ultima celebrazione eucaristica, per i benefattori del Santuario.