La Chiesa umbra si riorganizza così

CEU. Novità per rendere più agile e operativo il servizio alle singole diocesi

Tempo di lettura: 195 secondi

I responsabili delle nuove commissioni Ceu
I responsabili delle nuove commissioni Ceu

Presso il Pontificio seminario regionale umbro “Pio XI” di Assisi, nella giornata del 3 giugno, si è riunita la Conferenza episcopale umbra (Ceu) presieduta dal card. Gualtiero Bassetti. Ai lavori sono intervenuti anche i vescovi eletti padre Giuseppe Piemontese per la diocesi di Terni – Narni – Amelia e mons. Paolo Giulietti, ausiliare di Perugia – Città della Pieve. Padre Piemontese sarà ordinato vescovo il 21 giugno nella cattedrale di Terni, mentre mons. Giulietti il 10 agosto nella cattedrale di Perugia. I Vescovi umbri hanno espresso viva soddisfazione anche per la nomina di mons. Nazzareno Marconi, già rettore del Seminario regionale, a vescovo di Macerata – Tolentino – Recanati – Cingoli – Treia.

Tra gli argomenti all’ordine del giorno della sessione pomeridiana della Ceu, la presentazione della nuova strutturazione della Regione ecclesiastica secondo la riforma approvata lo scorso marzo dalla stessa Conferenza episcopale umbra, che ha visto la partecipazione dei coordinatori delle diverse “sezioni” che compongono i sei nuovi ambiti. Come hanno precisato il presidente, card. Gualtiero Bassetti, e il segretario Ceu, mons. Renato Boccardo, questa ristrutturazione segue la linea indicata da Papa Francesco che vuole dare alle Conferenze episcopali regionali più peso per lavorare di più.

I Vescovi umbri, accogliendo queste indicazioni, hanno ritenuto opportuno valorizzare la Regione ecclesiastica rendendone più agile e operativo il servizio così da accompagnare il cammino delle Chiese umbre nei vari ambiti della pastorale, condividendo le ricchezze di ciascuno. Pertanto, i Vescovi hanno definito la costituzione dei sei ambiti: Liturgia, Evangelizzazione, Carità, Clero e vita consacrata, Laici, Beni culturali.

Alla Ceu fanno riferimento, come organismi collegati, il Pontifico seminario regionale “Pio XI”, l’Istituto teologico di Assisi (Ita), il Tribunale ecclesiastico regionale umbro (Teru) e la Promozione al sostegno economico alla Chiesa cattolica. All’inizio del prossimo anno pastorale, un apposito Regolamento definirà il ruolo di ciascuna area e il funzionamento delle diverse sezioni, i cui coordinatori potranno dare vita a una sorta di “Consulta pastorale regionale” per condividere le varie esperienze e fornire – come ha proposto il vice presidente della Ceu, mons. Domenico Sorrentino – dei contributi alfine di poter elaborare degli “orientamenti pastorali” della Regione ecclesiastica.

Tra i primi eventi d’inizio anno pastorale 2014-2015 di rilevanza nazionale che l’Umbria ospiterà, sarà il raduno degli oratori d’Italia in Assisi dal 4 al 7 settembre, con la partecipazione di mille rappresentanti provenienti da tutte le Regioni ecclesiastiche.

Le 6 aree con relative sezioni

Le sei nuove aree della pastorale Ceu  sono a loro volta suddivise in sezioni, affidate a uno o più coordinatori.

Liturgia: vescovo delegato mons. Gualtiero Sigismondi. Sezioni: Liturgia ed Esorcismo, entrambe coordinate da padre Vittorio Viola.

Evangelizzazione: vescovo delegato mons. Renato Boccardo. Sezioni: Annuncio (dottrina della fede, catechesi, ecumenismo e dialogo interreligioso), coord. don Luca Delunghi; Comunicazioni (comunicazioni sociali, servizio informatico regionale), coord. Riccardo Liguori; Giovani, coord. don Marcello Cruciani per la pastorale e don Riccardo Pascolini per gli oratori.

Carità: vescovo delegato mons. Benedetto Tuzia. Sezioni: Caritas (Caritas, migranti, Pastorale della sanità) e Solidarietà (Fondo di solidarietà, Fondazione umbra contro l’Usura, Osservatorio sulle povertà) , entrambe coord. Giorgio Pallucco; Lavoro, pace e salvaguardia del creato, coord. Massimiliano Marianelli.

Clero e vita consacrata: vescovo delegato mons. Domenico Cancian, coordinatori – rispettivamente – mons. Carlo Franzoni per la sezione Clero (Commissione presbiterale regionale,Pastorale vocazionale, Diaconato permanente), fr. Leonardo De Mola per la Vita consacrata, Anna Maria Federico per le Missioni (Evangelizzazione e cooperazione tra le Chiese).

Laici: vescovo delegato mons. Domenico Sorrentino. Sezioni: Laici (Laici famiglia e vita), coord. Stefano e Barbara Rossi [che attualmente curano il commento al Vangelo su La Voce], con don Fabrizio Crocioni; Educazione (Educazione, scuola e università, insegnanti di religione), coord. Annarita Caponera.

Beni culturali: vescovo delegato mons. Mario Ceccobelli, coadiuvato da mons. Paolo Giulietti; coordinatori mons. Giampiero Ceccarelli per i Beni culturali e la Rete museale, mons. Francesco De Santis per l’Edilizia di culto, Roberto Pascucci per lo Sport, il turismo e tempo libero.