Le cascate del Menotre: piacevole passeggiata nel verde

Un percorso di cascatelle e torrenti poco distante da Foligno

Il Menotre è un fiume che scorre in una verde vallata umbra, che da lui prende il nome, creando un suggestivo scenario pieno di cascatelle immerse nel verde della vegetazione locale. Un percorso lungo il quale compie qualche salto, per poi incanalarsi in fessure della roccia e successivamente ricomparire con cascate più alte e imponenti. Un luogo in cui è molto piacevole passeggiare e che è meta di tanti turisti.

Il percorso parte dai paesi di Pale e Belfiore. Partendo da Pale il sentiero è discendente, da Belfiore invece è ascendente.

IL MENOTRE

Il Menotre nasce a circa 800 m d’altitudine, nei pressi del Monte Mareggia e del paese di Orsano. Scorre per 30 km tra sali e scendi, cascatelle, alberi e rocce. Attraversa diverse piccole frazioni, tra cui Rasiglia, dove si arricchisce di acqua grazie ad alcune sorgenti. Alla fine del suo percorso sfocia nel fiume Topino.

IL SENTIERO

Partendo da Belfiore si arriva alla prima parte del sentiero facile, sterrata e pianeggiante, che si trova all’interno del Parco dell’Altolina. In questa zona ci sono molte aree dove potersi sedere, riposare e, volendo, anche mangiare.

Oltre al fiume, che è l’assoluto protagonista del luogo, d’interesse sono anche la vegetazione ricca e rigogliosa e alcune statue in pietra sparse per il sentiero, nel luogo che prima ospitava il giardino della famiglia Elisei.

Gli Elisei erano dei nobili della zona, che vissero a Pale fino al 1268.

Da lì il percorso inizia a regalare i primi salti e scrosci, anche se la cascata più imponente si ammira vicino Pale, dove il Menotre si tuffa per ben 150 m.

Alla destra di uno dei primi salti si trova l’ingresso di una grotta, dove è possibile entrare trovandosi così a due passi dalla cascata. L’effetto è ottimo e si possono scattare bellissime foto.

A mano a mano che ci si avvicina a Pale il percorso diventa più ripido e poco prima di arrivare alla grande cascata si può ammirare un laghetto formato dall’acqua del fiume, interessante per le tante sfumature di colore. Nella parte alta del corso del fiume si può notare anche qualche esemplare di trota o di gambero di fiume.

Il percorso è facile e adatto a tutta la famiglia, lo si può percorrere quasi tutto l’anno, ma sicuramente i periodi consigliati sono la primavera e l’estate, perché la zona è sempre abbastanza fresca.
Nel parco si possono praticare anche diverse attività per bambini e adulti quali canyoning, scuola di roccia e mountain bike.

PALE

Avvicinandosi a Pale si scorge il castello che domina il paese, che è attraversato dal fiume. Si ammirano anche le cartiere in passato molto attive e alimentate dal Menotre.

Proprio con la carta prodotta in queste cartiere, nel 1442 venne realizzata a Foligno la prima stampa della Divina Commedia.

È sicuramente un luogo meno conosciuto rispetto alle famosissime cascate delle Marmore, ma altrettanto rilassante e forse ancor più tranquillo. Per chi ama la natura e i trekking è sicuramente una meta da non perdere durante un giro in Umbria.

Sophia Schippa

Le foto provengono dal sito https://www.umbriatourism.it

LASCIA UN COMMENTO