L’Umbria: regione senza futuro? Il punto sulla questione macro-regioni

Tempo di lettura: 62 secondi

Palazzo Cesaroni sede del Consiglio regionale dell’Umbria
Palazzo Cesaroni sede del Consiglio regionale dell’Umbria

Se ne è parlato a Perugia a un convegno degli ex consiglieri regionali, anche se per il momento il tema è uscito dall’agenda del Governo nazionale: la creazione di “macro-regioni”, da ottenere accorpando gli attuali territori regionali o parti di essi. Il che significherebbe, semplicemente, la sparizione dell’Umbria come entità a sé. Come detto, questa non è più una priorità dell’attuale Legislatura, ma ciò non significa che la questione non possa ripresentarsi in un futuro non lontano. Quali effetti avrebbe una riforma di questo genere? Per di più, dovrà incastrarsi con le altre riforme territoriali quali le “città metropolitane” e le fusioni tra piccoli Comuni.

Il servizio di Laura Lana su LaVoce Edizione digitale (per accedere basta registrarsi. È gratuito)

Come sarà strutturata l’Umbria futura?
http://lavoce.ita.newsmemory.com/publink.php?shareid=0b4f113c6

COSE FATTE E DA FARE
http://lavoce.ita.newsmemory.com/publink.php?shareid=2b4f113c6

Come funzionano le città metropolitane
http://lavoce.ita.newsmemory.com/publink.php?shareid=3b4f113c6

Gli umbri di oggi sono meno campanilisti di quelli di ieri
http://lavoce.ita.newsmemory.com/publink.php?shareid=1b4f113c6

LASCIA UN COMMENTO