Per il Csi è una (buona) sfida anche il Natale

Gli auguri del Centro sportivo italiano nelle parole del suo consulente ecclesiastico. L’Evento di questa festa è tutt’altro che scontato!

Tempo di lettura: 124 secondi

logo-csiScrivere sul Natale non è per nulla facile… cercando di non dire cose scontate o banali.

Non vogliamo dire e scrivere del Natale consumistico, che frettolose luminarie annunciano già mesi prima. Non diremo del Natale circondato da quell’alone di poesia e buonismo per cui in quel giorno, e solo quel giorno, ci vogliamo tutti più bene. Né del Natale festaiolo e godereccio impoverito da regali a dismisura, da ore piccole tra carte, gioco, denaro e altro ancora.

Ma senza quanto sopra… cosa rimane da scrivere?

Ogni anno, a ognuno di noi che – da buoni “animali razionali battezzati” – cerchiamo di dare significato a quanto accade, si propone e ripropone questo mistero: cercare e ricercare dentro e fuori di noi i veri significati di questo evento unico: è un po’ una sfida, certamente.

L’evento è davvero unico. Senza scomodare grandi trattati, anche i bambini sanno che il Natale è lui, Gesù Cristo, che diventa uomo, uno di noi.

A pensarci bene: Dio, l’Assoluto, il Perfetto, l’Onnipotente, diventa il nulla… o quasi. A pensarci bene, fa accapponare la pelle. Ma a pensarci bene, bisogna andare oltre: Lui, l’Assoluto, si annulla nell’uomo e trasforma l’uomo facendolo come Lui (per quanto è possibile all’uomo). Davvero mistero nel mistero. E tutto questo è il massimo che l’uomo potesse avere.

E la sfida è certamente nel dare significato all’Evento, ma anche nel vivere l’Evento per il messaggio che porta.

Da allora l’uomo non è un essere in cerca del Divino, ma un essere divino che vive esperienze umane. Da allora, nulla è più come prima: l’uomo è divinizzato e reso infinito, e il mondo intero è trasformato. Le braccia aperte del Bambino in quella stalla sono le braccia aperte di quell’uomo crocifisso che abbracciano il mondo intero: tutto il mondo, persone e cose.

È vero, in tanto tempo, da allora non siamo ancora riusciti nell’intento di vivere quell’Evento, cosicché la pace e l’amore sono ancora in là da venire…

Ma la fragilità di quel Bambino e la sconfitta di quell’Uomo Crocifisso sono la nostra speranza. Nonostante le nostre miserie, quel Bambino, quell’Uomo ci salverà. Ci salverà attraverso noi: sta a noi esserci ed essere protagonisti.

In questo mondo asettico, insensibile e contraddittorio, noi dobbiamo essere la pace e l’amore. E così la sfida diventa ancora più sfida.

Auguri a tutti voi amici del Csi, missionari della pace e dell’amore! Che la sfida del Natale non vi faccia “dormire tranquilli”. Mai!

AUTORE: Don Leonardo consulente ecclesiastico Csi