Quell’otto per mille che incoraggia

Diocesi. Un resoconto dettagliato di come sono stati utilizzati i soldi provenienti dall'Irpef. Tante ituazioni di difficoltà e attività da sostenere

Tempo di lettura: 154 secondi

Oltre al sostegno istituzionale, vale a dire della pastorale diocesana e delle principali attività della Caritas, nell’erogazione dei fondi dell’8 per mille dell’Irpef 2005 anche quest’anno si è cercato di privilegiare le situazioni di bisogno ed insieme incoraggiare chi sta lavorando. Nel 2005 per il culto e la pastorale sono stati impegnati 561.437,78 euro dei quali per i nuovi complessi parrocchiali euro 50.000 (complesso della parrocchia S. Maria della Misericordia a Borgo Bovio) – conservazione e restauro edifici di culto già esistenti o di altri beni culturali ecclesiastici euro 50.000 (Museo diocesano di Terni); per l’esercizio della cura delle anime: per attività pastorali straordinarie euro 80.000; curia diocesana e centri pastorali diocesani euro 100.000 – tribunale ecclesiastico diocesano euro 5.000, contributo all’Istess euro 15.000, contributo alla Scuola diocesana di Teologia euro 10.000, manutenzione straordinaria di Case canoniche: euro 15.000 (restauro e adeguamento impiantistico delle case canoniche delle parrocchie di San Vito, San Faustino, Itieli, La Quercia) – parrocchie in condizione di straordinaria necessità: euro 40.000 (parrocchie di S. Matteo Ap. in Terni, SS. Rita e Lucia in Narni, S. Maria della Misericordia in Terni, Rocchette, S. Agostino in Amelia, Montecampano, S. Urbano, S. Maria di Testaccio, Collescipoli, S. Giuseppe Lavoratore, Forcole) – enti ecclesiastici per il sostentamento dei sacerdoti addetti euro 3.162,86 ‘ religiose in servizio pastorale euro 11.724,92. Formazione del clero: seminario diocesano, interdiocesano, regionale euro 75.000; rette per seminaristi e sacerdoti studenti a Roma o presso altre facoltà ecclesiastiche euro 10.000; formazione permanente del clero euro 10.000; formazione al diaconato permanente euro 2.500; pastorale vocazionale euro 2.500. Scopi missionari: centro missionario diocesano e animazione missionaria euro 3.000; volontari missionari laici euro 3.000; sacerdoti nella missione diocesana di Ntambue come ‘fidei donum’ euro 9.000. Catechesi ed educazione cristiana: oratori e patronati per ragazzi e giovani euro 10.000, agli oratori delle parrocchie S. Giovanni Bosco, S. Maria della Misericordia, S. Rita e Lucia, Madonna di Fatima; associazioni ecclesiali (formazione membri) euro 10.000 al Centro Giunio Tinarelli, all’Azione cattolica, all’Ufficio catechistico diocesano; iniziative culturali diocesane euro 30.000. Contr. sost. economico della chiesa: promozione del sostentamento economico della Chiesa euro 1.550. Altre assegnazioni: casi particolari e riservati a disposizione del Vescovo, euro 15.000. Nel 2005 sono stati impegnati per interventi caritativi euro 308.664,24 così suddivisi: distribuzione a persone bisognose attraverso le opere della Caritas diocesana euro 115.000; opere caritative diocesane: in favore di extracomunitari euro 10.000 per sostegno all’associazione Casa Parrabbi; in favore di anziani euro 10.000 per varie iniziative della commissione diocesana per gli anziani e del Vescovo; in favore di portatori di handicap euro 5.000 a disposizione della segreteria della Pastorale diocesana; in favore di altri bisognosi euro 8.664,24 a favore dei tanti poveri occasionali che, nonostante i vari centri di ascolto diocesani, quotidianamente continuano a bussare alla curia; poveri missione diocesana ‘Ntambwe euro 32.000, è stato versato all’Ufficio missionario diocesano. Opere caritative parrocchiali: in favore di altri bisognosi euro 20.000, alla San Vincenzo per le varie Conferenze parrocchiali Opere caritative di altri enti ecclesiastici; a disposizione delle parrocchie povere e in particolari situazioni euro 15.000 (in particolari situazioni parrocchie di Monitoro, Alviano, Poggio, Vigne, Aguzzo, Taizzano, Macchie). Altre assegnazioni: per casi urgenti e a disposizione del Vescovo euro 30.000; alla mensa per i poveri ‘S. Valentino’ euro 20.000; contributo Centro di ascolto S. Antonio euro 10.000; ristrutturazione Centro Caritas euro 20.000.