Spiritualità. Due giorni di riflessione, a Foligno e Spello, sul carisma di fratel Carlo Carretto

Tempo di lettura: 84 secondi

Carlo Carretto. Le gioie e le speranze dell’uomo d’oggi” è il titolo del convegno che si tiene a Spello il 5 e 6 ottobre. Evento organizzato da diocesi e Comune di Foligno, Comune di Spello, Ac, Istituto Paolo VI e Piccoli Fratelli di Jesus Caritas. “Il tema scelto – commenta l’Azione cattolica – è quanto mai suggestivo perché richiama lo stretto legame tra fratel Carlo, il Concilio e la Parola. Elementi che si incrociano in questo tempo in cui ci apprestiamo a vivere l’Anno della fede e l’anniversario dell’inizio della grande assise conciliare. Il convegno si colloca come grande opportunità per dare slancio al respiro del nostro ‘polmone spirituale’ in collaborazione con la città di Spello che continua a vivere con il profondo e significativo ricordo di fratel Carlo”. Fratel Oswaldo di Jesus Caritas ricorda un certo pessimismo che accompagnò la visione della storia in Carretto: “Anche noi – aggiunge – stiamo vivendo un tempo in cui non è assente la paura, e forse con un tasso di densità molto più forte di quella che denunciava Carlo Carretto ai suoi giorni. Ma la paura si vince con la conoscenza e l’amore della Parola di Dio. La paura si vince nella preghiera. La paura si vince con la fede. La paura si vince facendo riscoprire ad ogni membro della Chiesa la propria dignità”. Il programma: 5 ottobre, ore 10, incontro con gli studenti presso il multisala Politeama di Foligno; ore 15.30, al teatro di Spello, tavola rotonda con il direttore di Famiglia cristiana e Franco Miano, presidente nazionale Ac. Sabato 6, dalle 9.45 ancora a Spello, testimonianze dalla Siria, dal mondo del lavoro e dal carisma di Carretto; modera Flavio Lotti. Si concluderà a San Girolamo con la preghiera.