Terni, diocesi in lutto per la morte di monsignor Luigi Pallottini

Parroco a Configni, Calvi e Narni, era stato missionario in Cile dal 1965 al 1972 e dal 1974 al 1977

TERNI- Nella mattina di sabato 26 dicembre è morto, all’età di 86 anni, monsignor Luigi Pallottini, sacerdote diocesano, cappellano di Sua Santità, canonico emerito del Capitolo della Concattedrale di Narni. Un sacerdote mite e umile, sempre presente con la sua amabilità e bonarietà tra le persone della comunità che gli era stata affidata, che ne ha apprezzato le doti umane e spirituali.

La missione evangelizzatrice è stata sempre al centro del suo ministero che ha svolto a Configni, Calvi e Narni, ma anche in terre lontane, in Cile, dove è stato missionario per diversi anni, mostrando umanità e solidarietà verso i più deboli e bisognosi, alle famiglie e ai giovani. Laureato in lingue straniere, si è dedicato all’insegnamento dello spagnolo negli istituti superiori di Terni ed è stato anche archivista del Capitolo di Narni.

Monsignor Luigi Pallottini, era nato a Narni il 2 novembre 1934, aveva svolto gli studi presso il Seminario diocesano di Narni e poi presso il Pontificio Seminario regionale Umbro Pio XI di Assisi. Era stato ordinato sacerdote, il 29 giugno 1957 da monsignor Giovanni Battista dal Prà.

All’inizio del suo ministero, è stato vicerettore del Seminario diocesano a Narni, vicario parrocchiale a Sangemini e parroco a Configni. Era stato missionario in Cile per lungo tempo, dal 1965 al 1972 e dal 1974 al 1977. Rientrato definitivamente in Italia, ha svolto il ministero di parroco a Calvi dell’Umbria per undici anni e a Ponte San Lorenzo di Narni per quasi trent’anni. A lui, erano state affidate per brevi periodi, come amministratore parrocchiale, le parrocchie di Narni di Santa Maria di Testaccio e dei Santi Faustino e Giovita.

Il funerale di monsignor Luigi Pallottini, sarà celebrato lunedì 28 dicembre alle ore 14.30 nella chiesa di San Lorenzo martire a Ponte San Lorenzo di Narni, presieduto dal vescovo di Terni-Narni-AmeliaGiuseppe Piemontese.

LASCIA UN COMMENTO