Terni in udienza dal Papa. Il discorso del vescovo.

Tempo di lettura: 229 secondi

130-acciaierie-diocesi-terni-udienza-papa-francesco-5Un grazie per il passato e una preghiera per il futuro. Questo il senso del discorso del vescovo di Terni, monsignor Ernesto Vecchi, in occasione dell’udienza speciale della città di Terni con Papa Francesco che si è tenuta questa mattina a Roma per il 130esimo anniversario delle Acciaierie. Il vescovo ha ringraziato il Signore per questa fondamentale attività industriale della città, ma ha rivolto anche una preghiera per il difficile momento economico vissuto dalle Acciaierie e da altre realtà produttive della provincia.

Presenti 7500 pellegrini della città a rappresentare le varie realtà: il mondo delle imprese e del lavoro (con 1700 lavoratori, soprattutto dipendenti ed ex dipendenti delle Acciaierie), 1600 studenti, 50 parrocchie e 4mila fedeli. Papa Francesco ha salutato da vicino un centinaio di persone in rappresentanza della città e ha sottolineato ancora una volta, nel suo discorso, l’importanza del lavoro come fonte primaria di dignità dell’uomo.

Di seguito il discorso del vescovo di Terni, mons. Vecchi:

«Padre Santo e a tutti noi carissimo Papa Francesco, grazie dell’onore e della gioia di questo incontro, grazie per averci aperto, con tanta amabilità le porte della Sua casa, che sentiamo particolarmente accogliente, per il profondo legame che unisce la Diocesi di Terni-Narni-Amelia alla Sede Apostolica: è il Vescovo di Roma il nostro Metropolita, e da Lui sentiamo il bisogno di essere confermati nella fede in Gesù Cristo, per “uscire” e portare nelle periferie esistenziali la luce del Vangelo, secondo gli orientamenti dell’Esortazione Apostolica Evangelii gaudium.

La nostra Diocesi, inoltre, è oltremodo grata a Lei, Papa Francesco, per averla aiutata concretamente, e in modo decisivo, a trovare un percorso, per superare – nel tempo – le sue attuali difficoltà: davvero abbiamo sperimentato che Pietro “è il Vicario dell’amore di Dio”, come ha detto Sant’Ambrogio (In Lucam X, 175). Comunque, la Chiesa dei Santi Valentino, Giovenale e Firmina è ben fondata su una viva Tradizione, ricca di santità, di carità e di cultura promozionale. Per questo sta affrontando con rinnovata consapevolezza ecclesiale, non solo le prove attuali, ma anche la sfida di una “conversione pastorale e missionaria”, che il nuovo Pastore – quando Dio vorrà – confermerà con la grazia della Successione Apostolica.

Ma oggi, Padre Santo, siamo qui  per festeggiare, con la Sua Benedizione, il 130° compleanno delle Acciaierie di Terni, sorte agli albori della civiltà industriale. Questo Gruppo siderurgico di importanza mondiale è qui, per dire grazie al Signore. I Dirigenti e i tantissimi lavoratori presenti sono orgogliosi di presentare al Papa le Acciaierie, come un fiore all’occhiello della cultura imprenditoriale ternana e segno emblematico della laboriosità del nostro popolo. Tra i petali di questo fiore, rifulge la santità di un giovane operaio, il Ven. Giunio Tinarelli, in cammino verso la Beatificazione. Oggi, dopo alcuni anni di preoccupanti e alterne vicende, concluse con l’acquisizione della Società Acciai Speciali Terni da parte della multinazionale tedesca ThissenKrupp, la speranza occupazionale si è consolidata ma, per essere confermata, richiede un ampliamento di sinergia solidale da parte di tutti i soggetti interessati alla realizzazione del nuovo piano industriale.

Purtroppo, la congiuntura economica sfavorevole continua a produrre i suoi effetti negativi anche nella nostra terra: molte aziende sono in crisi,  aumentano i licenziamenti e il ricorso agli ammortizzatori sociali. Le rappresentanze di alcune di queste Aziende sono qui con noi – Sgl Carbon; Sangemini e altre – accompagnate dalle Autorità istituzionali, dai Sindaci, dalle rappresentanze sindacali e soprattutto dalla folta partecipazione delle nostre parrocchie con tante loro famiglie in affanno economico.

Le comunità parrocchiali, con le aggregazioni ecclesiali, le famiglie e le scuole sono qui per incontrare Pietro che vive in Papa Francesco e dire a Lui che hanno accolto gli stimoli del Suo Magistero di attenzione verso le categorie più disagiate. I nostri Sindaci sanno bene che, alla fine dei guai, la Chiesa non manca mai. Il Fondo di Solidarietà delle Chiese Umbre, i Centri di ascolto e di assistenza della Caritas-San Martino, delle Parrocchie, della San Vincenzo, dell’Unitalsi e di tante altre associazioni caritative di ispirazione cristiana, sono quotidianamente vicine alle famiglie in difficoltà, ai giovani senza lavoro, agli anziani, agli ammalati, ai poveri, che crescono di numero nelle nostre mense gratuite e aperte tutto l’anno.

Grazie ancora Papa Francesco per aver voluto festeggiare con noi il 130° compleanno delle Acciaierie. I ternani sono “gente di pasta buona” e Le vogliono bene. Tutti noi pregheremo per Lei, anche quelli che hanno perso l’abitudine. Dopo aver invocato ieri San Giuseppe lavoratore, oggi chiediamo la Sua Benedizione Apostolica, perché domani – 21 marzo – cominci davvero una nuova primavera dello Spirito. La salutiamo con un forte abbraccio e con il «bacio santo» (Rm 16, 16).

Clicca qui per vedere la fotogallery