Un aiuto concreto

Il resoconto della distribuzione dei fondi donati con l'otto per mille alla Chiesa diocesana

Tempo di lettura: 157 secondi

L’otto per mille è un appuntamento con l’intera Chiesa italiana, con i suoi bisogni materiali, con i sacerdoti che la tengono viva, con gli oratori, il catechismo, le mense per i poveri, un gesto per vivere concretamente il cristianesimo. La condivisione fraterna comincia dalla trasparenza, che è assicurata sotto forma di cifre, che sono pubblicate ogni anno, e qui di seguito, con il resoconto per il 2004. Anche quest’anno i contributi hanno cercato di privilegiare le situazioni di bisogno ed insieme incoraggiare chi sta lavorando. È importante, al di là delle cifre, far sapere che i soldi dei contribuenti, in forza di quella firma tornano a vantaggio delle nostre comunità. Il resoconto della distribuzione dei fondi è suddiviso per voci, secondo lo schema preparato dallo stesso Ufficio nazionale, predisposto localmente secondo i suggerimenti del Cdaaee, del Collegio dei Consultori e dei responsabili della Caritas diocesana e reso effettivo con decreto del Vescovo. Fondi anno 2004 per culto e pastorale (tot. euro 542.915,57) A. Esercizio del culto: nuovi complessi parrocchiali (complesso chiesa Valenza ) euro 50.000 ‘ Arredi sacri nuove chiese (chiesa Valenza) euro 50.000. B. Esercizio della cura d’anime: attività pastorali straordinarie euro 70.000 – Curia diocesana e centri pastorali diocesani euro 100.000 – Tribunale ecclesiastico euro 5.000 – Istess euro 15.000 – Contributo alla Scuola di teologia euro 10.000 – Manutenzione straordinaria di Case canoniche e locali di ministero euro. 15.000 : Montecampano, Macchie, San Giovanni Bosco – Parrocchie in condizione di straordinaria necessità : euro 40.000 alle parrocchie di San Matteo – Taizzano ‘ Cattedrale di Narni ‘ Capitone – Santa Maria della Quercia ‘ Vacone ‘ Sant’Urbano ‘ Papigno ‘ Montoro ‘ Poggio di Otricoli ‘ Otricoli ‘ Itieli’ Foce – Enti ecclesiastici per il sostentamento dei sacerdoti addetti euro 3.000 – Religiose in servizio pastorale euro 13.365,57. C. Formazione del clero. Seminario diocesano e regionale euro 70.000 – Rette di seminaristi studenti a Roma euro 7.500 – Formazione permanente del clero euro 8.000 – Formazione al diaconato permanente euro 2.500 – Pastorale vocazionale euro 5.000. D. Scopi missionari. Centro missionario diocesano e animazione missionaria euro 3.000 – Sacerdoti Fidei Donum in Congo euro 9.000. E. Catechesi ed educazione cristiana. Oratori e patronati per ragazzi e giovani euro 10.000 (Oratori San Gabriele – San Giovanni Bosco – Altri) – Associazioni ecclesiali per la formazione dei membri Aci ‘ Corsi di cristianità ‘ Ass. G. Tinarelli e Pastorale universitaria euro 10.000 – Iniziative di cultura religiosa nell’ambito della diocesi euro 30.000. F. Contributo al servizio diocesano per la promozione del sostegno economico alla Chiesa. Servizio diocesano promozione sostegno economico Chiesa euro 1.550. G. Altre assegnazioni. Casi urgenti o riservati al Vescovo euro 15.000. Interventi caritativi (Tot: euro 290.240,47) A. Distribuzione a persone bisognose: da parte della diocesi alla Caritas euro 100.000.B. Opere caritative diocesane: In favore di extra comunitari c/o ‘Casa Parrabbi’ euro 10.000 – In favore di anziani euro 5.000 – In favore di portatori di handicap euro 5.000 – In favore di altri bisognosi euro 10.246,47 – Per i poveri della Missione diocesana di ‘Ntambue (Congo) euro 40.000 C. Opere caritative parrocchiali: alle Conferenze parrocchiali della San Vincenzo euro 20.000. D. Opere caritative di altri Enti ecclesiastici: a disposizione delle parrocchie povere euro 15.000 : alle parrocchie di Sant’Agostino-Macchie’Sant’Urbano’ San Liberato’Santa Maria della Quercia’Testaccio’ Comunità Ortodossa Rumena a Terni. E. Altre assegnazioni: Per casi urgenti o riservati al Vescovo euro 30.000 – Contributo alla Mensa dei poveri ‘San Valentino’ euro 15.000 ‘ A Centri di ascolto nelle Vicarie euro 10.000 ‘ Per lavori di ristrutturazione Centro Caritas San Martino euro 30.000.