Un fiore speciale alle neo-mamme

Spoleto. Il “Progetto Bucaneve” portato avanti dall’associazione Scienza e Vita

Tempo di lettura: 130 secondi

A sostegno della vita, a fianco delle famiglie che hanno appena avuto un figlio. È una piccola e importantissima iniziativa dell’associazione Scienza e Vita di Spoleto con il sostegno della Pastorale familiare della diocesi. Si chiama “Progetto Bucaneve” e garantisce uno sconto del 15-20% presso alcune farmacie e attività commerciali del territorio per l’acquisto di prodotti parafarmaceutici per neonati. Volontari dell’associazione – quella di Spoleto è la prima nata in Umbria – si recano nel reparto di Ginecologia e ostetricia dell’ospedale cittadino e, in perfetto accordo con lo staff medico e infermieristico, incontrano le neo-mamme. Consegnano loro una tessera da compilare, che dà diritto allo sconto suddetto. L’agevolazione ha la durata di sei mesi dalla nascita del bimbo/a. Questo gesto di solidarietà e collaborazione degli adulti di fronte alla vita nascente, avviato il 15 agosto 2009, sottolinea la grande attenzione degli spoletini per la vita. E non è un caso se Spoleto è una delle città dell’Umbria dove viene meno praticato l’aborto e dove l’intera comunità, per la festa della Sacra Famiglia, si ritrova in duomo per salutare tutti i nati nell’anno, realizzando all’interno della cattedrale l’albero della vita con appese tutte le foto dei “nuovi spoletini”. In un tempo di crisi di nascite come l’attuale, questa piccola goccia dell’associazione Scienza e Vita ricorda che le creature sono dono di Dio, il più grande, e che sono motori concreti di speranza, capaci di generare il futuro nel cuore di molti. Nella cartoline che i volontari distribuiscono alle mamme – a tutte, senza distinzione di reddito o religione – c’è anche una frase dell’Arcivescovo. Un piccolo messaggio che la Chiesa, con discrezione, nel rispetto del pensiero altrui e con gratitudine al reparto di Ostetricia per la disponibilità e la collaborazione, consegna a tutte quelle coppie alle quali Dio ha mandato il dono di una creatura. “La vita – scrive mons. Renato Boccardo – è più grande di noi: non ne siamo né gli arbitri, né i padroni. L’accoglienza, la promozione e il rispetto della vita in ogni momento del suo sviluppo terreno costituiscono la più grande ricchezza per l’umanità”. Chiunque volesse partecipare al progetto può contattare il 347 4078561 entro il 20 di ogni mese. Diverse sono le farmacie che aderiscono al progetto (a Spoleto, Norcia, Cascia, Sellano, Monteleone di Spoleto, Cerreto di Spoleto e Scheggino) ribadendo così la loro vicinanza alla gente, l’essere luogo da sempre sensibile all’accoglienza. Anche alcuni negozi di articoli per bambini effettuano gli sconti, che non sono comunque cumulabili con altre promozioni. La solidarietà è contagiosa. Ne siamo certi. Spoleto ha risposto e continuerà a farlo.

AUTORE: Francesco Carlini