Una nuova clinica pediatrica con il contributo della Provincia

Continua il gemellaggio della nostra diocesi con quella di Zomba nel Malawi

Tempo di lettura: 101 secondi

Da tredici anni ormai funziona l’ospedale che la diocesi di Perugia-Città della Pieve ha costruito nella parrocchia di Chipini, diocesi di Zomba nel Malawi. Ora è in piena attività il College di Thondwe, sempre nella stessa diocesi, ma più vicino alla città. In questi giorni inizia, nel cuore della stessa città, e precisamente nell’ambito di quell’ospedale civile, la costruzione di una nuova clinica pediatrica dotata di laboratorio e farmacia per curare specialmente bambini e madri, durante i periodi più intensi della diffusione malarica. Tutto questo è il risultato di quel gemellaggio tra le due diocesi, italiana e malaviana, che, senza formalità, è ormai gemellaggio reale anche tra le due municipalità. Sta partendo, nel prossimo aprile il secondo container per il Malawi, contenente sopratutto materiale di soccorso del Comune di Perugia: medicinali e grandi quantità di conforts. Il Comune di Perugia aveva soccorso da anni i bisognosi di Cuba, ora, da qualche tempo soccorre le genti del lontano Paese africano, colpite da tante malattie e da molte avverse calamità naturali. Anche il Presidente della Provincia, con l’approvazione del Consiglio, ha voluto intervenire in questo benefico interessamento di Perugia. Dopo opportuni incontri con gli ” Amici del Malawi” e lo studio di un progetto concepito da medici tedeschi che lavorano volontariamente nell’ospedale di Zompa, la Provincia di Perugia sosterrà le spese principali che richiederà la costruzione di una nuova struttura pediatrica, assolutamente esigita dalla dura realtà di questo Paese africano. La stampa locale ha annunciato che la Provincia di Perugia partecipa al progetto citato con cinquanta milioni, già in parte pervenuti al vescovo di Zomba mons. Allan Chamgwera. Tuttavia anche le opere già completate e in attività richiedono costantemente sostegno e miglioramenti per cui è aperta a tutti la possibilità di intervenire con denaro, medicine e soccorsi di varia natura. I capi di vestiario devono essere possibilmente nuovi o, almeno, per riparazione e ripulitura, come nuovi. Per il container in preparazione, bisogna affrettarsi da parte di chi intende inviare donazioni. Per contatti immediati suggeriamo tre numeri cellulari : 03496408800 – 03387430852 -03490608337.

AUTORE: don Remo Bistoni