Novità in Seminario

Tempo di lettura: 112 secondi

Il Seminario regionale di Assisi si prepara a un nuovo anno ricco di novità. Sì, perché si va definendo sempre più “non come una scuola che fa i preti, ma come punto di riferimento per la formazione e il sostegno del clero”. E il cuore di questa trasformazione, per mons. Nazzareno Marconi, rettore del Seminario, è l’équipe formativa definita dalla Conferenza episcopale umbra (Ceu) nella riunione tenutasi a fine luglio a Perugia. In quella sede i Vescovi dell’Umbria hanno confermato mons. Marconi, sacerdote della diocesi di Città di Castello, rettore del Seminario regionale per il prossimo triennio; hanno nominato vice rettore don Andrea Czortek, della stessa diocesi, che succede adon Andrea Rossi della diocesi di Orvieto-Todi, richiamato per nuovi incarichi. Don Mauro Salciarini, della diocesi di Gubbio, passa da responsabile del Propedeutico, che proprio l’anno scorso è stato iniziato ad Assisi, a padre spirituale del Seminario regionale. Per il periodo propedeutico don Simone Sorbaioli, dell’arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve, è stato nominato responsabile, e sarà affiancato dal padre spirituale mons. Remo Serafini, fino all’anno scorso direttore spirituale del Seminario. La “comunità educante” passa da quattro a cinque persone, ma la cosa importante – sottolinea mons. Marconi – è che i seminaristi sono affidati a persone “diversificate nelle competenze, nella maturità personale, nelle esperienze, offrendo in questo modo il sostegno di figure sacerdotali diverse”. Accanto al rettore, ordinato nel 1983, docente di sacra Scrittura all’Istituto teologico, vi sono due preti maturi come don Salciarini, ordinato nel 1968, parroco con una esperienza in missione in America Latina come fidei donum, e mons. Serafini, ordinato nel 1964 con una esperienza pastorale maturata in parrocchia insieme alla passione per la storia locale. I due preti giovani, don Czortek e don Sorbaioli, alla loro prima esperienza in Seminario regionale, hanno l’uno una formazione accademica di tipo storico-filosofico, l’altro giuridica, essendo specializzando in Diritto canonico. Vera novità di quest’anno è l’avvio del “sesto anno”, ovvero di un anno di formazione per coloro che hanno completato gli studi teologici e non sono ancora ordinati sacerdoti. Inaugurano questo nuovo percorso formativo i quattro seminaristi di Perugia ordinati diaconi il 10 agosto scorso. Infine, ma non ultimo, il Pontificio seminario regionale umbro “Pio XI” si prepara – per il 2012 – alla celebrazione dei 100 anni dalla fondazione.