Servizio civile: formazione per volontari

Verifica presso la Caritas diocesana: cosa ne pensano Silvia, Teresa e Sara

Tempo di lettura: 113 secondi

“Una scelta che cambia la vita: la tua e quella degli altri”: quello del Servizio civile nazionale non è solo uno slogan. Almeno non lo è per le sette ragazze (di cui tre appartenenti alla nostra diocesi) che in regione hanno scelto di compiere questa esperienza presso le varie Caritas diocesane. Il Consiglio permanente della Cei era stato molto preciso quando aveva dato mandato alla Caritas nazionale di occuparsi di questo particolare settore. E perché tutto non rimanesse lettera morta, la delegazione regionale Caritas individuò subito due responsabili per occuparsi della formazione di coloro che avessero scelto di compiere l’esperienza di Servizio civile presso le proprie strutture.

Era il dicembre dello scorso anno quando le prime ragazze iniziavano timidamente il loro servizio e quindi (giunti ormai a metà percorso) era tempo di fermarsi per verificare il lavoro compiuto e per programmare quello rimasto da svolgere. È quanto successo la scorsa settimane quando le due formatrici (Laura Pizziconi di Assisi e Paola Biccheri di Città di Castello) si sono riunite presso la Caritas tifernate insieme alle giovani volontarie. A parere unanime, si è trattato di un incontro quanto mai proficuo, sia per le tematiche emerse, sia per le possibili piste di lavoro futuro. “Credo fortemente – ha dichiarato Silvia, una delle volontarie partecipanti all’incontro – che il contatto con culture diverse sia sempre di grande arricchimento”. “Per motivi di studio – le fa eco Teresa – volevo mettermi alla prova con le problematiche emergenti che caratterizzano la nostra società. Non c’è dubbio: il servizio che sto svolgendo in Caritas mi sta aiutando moltissimo”. Anche Sara è felice della scelta compiuta: “Mi sono infatti avvicinata alla realtà dell’immigrazione – ha dichiarato – e questo mi ha resa più aperta e disponibile all’ascolto”.

L’incontro si è concluso con una visita alla struttura del Ceis guidati dal presidente delle sede tifernate (nonché direttore diocesano Caritas) don Paolino Trani. “Davvero un incontro quanto mai proficuo – ha dichiarato al termine della ricca giornata la formatrice Paola Biccheri. È sempre bello ridirsi le motivazioni che stanno alla base delle nostre scelte fondamentali. Ora si tratta di dare continuità al lavoro iniziato. Per questo ci incontreremo di nuovo in settembre”. “Metti in circolo il tuo amore”, canta Fiorella Mannoia nella nuova campagna informativa del Servizio civile nazionale. Queste ragazze lo stanno già facendo.

AUTORE: Moreno Migliorati